Montegiano, un mistero di altri tempi, visita azienda Ca di Leo

Condividi

Montegiano oggi fa parte del comune di Mombaroccio ed è un luogo interessante, per via della sua storia che rimane nascosta nelle viscere della sua terra. Queste zone in parte sono state descritte e percorse durante l’escursione dedicata al Beato Sante, ma abbiamo deciso di tornare in questi luoghi soprattutto per una ragione: il nostro amico Roby vive li da qualche mese e sta avviando un’interessante attività, ma andiamo con Ordine.

Partiamo dall’attuale chiesa di San Giovanni, e facciamo una camminata nelle strade del paese “contemporaneo” per osservare che cosa c’è oggi a Montegiano, saliamo anche per i sentieri  che conducono al Santuario dedicato a Giovanni Sante, per poi tornare al punto di partenza e ripartire per immergerci nel passato: una piccola camminata ma un grande viaggio. Prendiamo via del Castello per scendere sempre più in basso fino all’edicola in cui vi era l’antica chiesa della ss Trinità. Subito alla destra dell’edicola si accede al “sentiero” che conduce alle mura ed i ruderi di vecchie abitazioni ed il Castello. In maniera del tutto anomala il Catello, presente sin dal 1268, non era posizionato in alto, cioè nel luogo da cui siamo partiti dove poteva dominare l’intera valle, ma in basso seppur in un piccolo colle sopra il fosso Rio Secco. Le ipotesi principali che spiegano tale “anomalia” sono due: la prima è che da quella posizione si potevano fermare i tentativi da parte dei Fanesi di salire verso Mombaroccio, la seconda ipotesi riguarda invece la difesa delle produzioni, essendo stata una zona ricca di mulini, da tempi antichissimi fino a pochi anni fa. Qualunque fosse la ragione oggi quel luogo così misterioso è inglobato dalla vegetazione. Dopo la visita al Castello abbiamo costeggiato il Rio secco per raggiungere via dei mulini (a testimoniare appunto la presenza di mulini, alcuni ruderi sono ancora visibili) per arrivare fino a Ca di Leo, dove Roby ci ha accolti illustrandoci il suo progetto, le sue coltivazioni di elicriso ed i suoi olivi, ci ha preparato delle ottime bruschette con il suo olio e non solo. Dopo un paio di bicchieri di vino Roby ci ha accompagnati, attraverso il suo oliveto fino al punto di partenza, chiudendo quindi la nostra escursione ad anello, anello nel quale abbiamo parlato di vecchie e nuove realtà presso Montegiano, eravamo in tanti ed anche questa volta è stata una bellissima giornata!

GANA