Il vecchio Vulcano e il Cetona

Condividi

Un gruppo numeroso ed eterogeneo alcuni si sono visti, ed ho visto, per la prima volta proprio nel weekend appena trascorso in Val d’Orcia. Il format è quello che adottiamo ormai da anni per fine anno: Terme e Trek, proprio in questa zona ci siamo stati per festeggiare la fine del 2017 quindi da poco, però abbiamo fatto percorsi diversi.

Sabato mattina siamo partiti per raggiungere Abbadia San Salvatore da cui abbiamo fatto una camminata nei tipici castagneti alle pendici del monte Amiata, la camminata di per se non doveva (e non è stata) particolarmente difficile se non per l’attraversamento del fosso del Minestrone! Si perché l’alternativa era fare un pezzo di strada asfaltata così decidiamo di tagliare su per i boschi. Salgo in totale esplorazione orientandomi a vista dato il luogo relativamente semplice, l’attraversamento del fosso ha messo quel pizzico di sale che da sapore ad un’escursione come quella, ho avuto poi l’occasione di far vedere come sia fondamentale che davanti vada la guida, per valutare dove passare e non, come ho detto sul posto non perché la guida sia necessariamente il più bravo ma il più attento, se qualcuno avanza chiacchierando e ridendo potrebbe trovarsi in punti in cui potrebbero esserci delle difficoltà.

Terminata l’escursione siamo andati alle terme di Bagni San Filippo, per chi le conosce sa di che bellezza si tratta, ci siamo rilassati nelle vasche, spostandoci di pozza in pozza fino alla stupefacente balena bianca. La sera come mi aspettavo ci siamo divertiti un casino, abbiamo mangiato e bevuto di gusto, ma soprattutto siamo stati bene insieme.

La domenica siamo partiti con direzione monte Cetona, ho studiato e ristudiato le carte, mi sono consultato con escursionisti che lo hanno fatto, ma era la prima volta anche per me e devo dire che sono, anzi siamo rimasti contenti da quanto questo monte nella sua semplicità può offrire. Saliamo per la forestale che parte da Fonte Vetriana per andare sulla cima del monte e percorrere il sentiero di cresta. La discesa davvero spettacolare, tra rocce e roccette di calcare e vista sulla valle, ricordo che proprio sul monte Cetona nasce il fiume Orcia…. Per chiudere l’anello avevo in mente dei passaggi non segnati ma presenti sulle carte IGM, Ale aveva anche abbastanza fretta, voleva fare un bagno termale prima di partire verso casa, tengo gli occhi ben aperti e ad un certo punto individuo un bellissimo sentiero delimitato da muretti a pietra che scende verso la strada che ci avrebbe portato alle macchine. Un salto a Bagni San Casciano per chiudere in bellezza.

Un gruppo davvero bello clima giocoso e sereno, ognuno si adattava alle esigenze del gruppo in maniera di non creare nemmeno la minima tensione è stato molto piacevole, personalmente sono contento di aver conosciuto delle persone nuove con cui ho fatto delle belle chiacchierate. Questa esperienza mi ha fatto vedere e capire meglio di come le escursioni sono innanzi tutto lo stare insieme, il condividere, il bello come dice Luca di fare del bene agli altri. Già il bello non è solo nel panorama, nei sentieri ma anche tra di noi, e forse questa volta questo si è manifestato in maniera forte e chiara! grazie a tutti

GANA