il Monte Schioppettino per la via Crucis

Condividi

Una giornata piovosa, com’era previsto, però la pioggia anche se incessante non è stata forte.

Siamo saliti per la via Crucis, saltando la prima stazione, perché il torrente era bello pieno quindi siamo passati sul “ponticello” che si vede dalla strada. Saliamo fino la Madonna dell’Acquanera dove aggiriamo l’eremo parlando brevemente della sua storia. Ci dirigiamo verso il Monte Schioppettino, sempre bello, il gruppo affiatato e motivato a raggiungere la vetta, facciamo due chiacchiere sulla valle del Mandrale e quella del Cinisco. Nicolò ci chiede dove si trovasse Fonte Avellana (era stato con noi a fine settembre), così Danilo e Leo illustrano la valle in cui è collocato il monastero e indicano il sentiero che lo raggiunge. Rientriamo, io cerco un vecchio IGM che riporta al 261 (cioè il sentiero che faremo per chiudere l’anello), ma l’accesso è chiuso! provo un “ripidone” poco più avanti per raggiungerlo dall’alto ma si scivola che è una bellezza! il gruppo si diverte a guardarmi! Leo mi da una mano ad uscire dal fango e andiamo a prendere il sentiero. Una giornata che ha regalato emozioni e piacere di stare insieme anche se grigia, una giornata che si è conclusa con caffè e dolcetti a Cagli.